Khadijah bint Khuwaylid

From WikiIslam, the online resource on Islam
Jump to: navigation, search
La “medaglia” di Khadijah in Promptuarii iconum insigniorum (1553). Lyon: Rouillé. Questa illustrazione non ha nessuna pretesa d'essere un ritratto accusato ma è divenuta una rappresentazione simbolica largamente accettata di Khadijah.

Khadijah o Khadīja bint Khuwaylid (خديجة بنت خويلد‎) fu la prima moglie del profeta Maometto, l'unica sua moglie finché morì. [1] È conosciuta dai musulmani come "al-Kubra" ("la Grande")[2] e al-Tahira (“la Pura”).[3] Dodici mogli di Maometto hanno ricevuto il titolo di Umm al-Muminun (“Madre del fedele”),[4] ma Khadijah occupa una posizione unica come madre dell'islam stesso.

Antefatto[edit]

Khadijah nacque a Mecca, all'interno della tribù dominante dei Quraysh. Suo nonno Asad, il capo del suo gruppo, era il nipote di Qusayy ibn Kilab, il custode della Ka’aba e legislatore di Mecca.[5] This Qusayy had also been a great-great-great-grandfather of Muhammad.[6] Sua madre, Fatima bint Za’ida, veniva da un altro gruppo di Quraysh, il Amir ibn Luayy.[7] Il nome Khadijah significa “prematura”,[8] probabilmente relativo alle circostanze della sua nascita.

Le narrazioni riguardo i primi anni di vita di Khadijah sono scarse e spesso contraddittorie. È generalmente accettato che nacque "quindici anni prima dell'Elefante" e che aveva 65 anni (lunari) quando morì,[9] quindi nacque tra giugno 556 e luglio 557. C'è però da dire che la fonte di questa narrazione è il nipote di Khadijah, Hakim ibn Hizam, [10] uno dei molti primi musulmani che dichiarò di avere 120 anni.[11] Al contrario, Abdullah ibn Abbas, il cugino che visse al fianco di Maometto durante gli ultimi anni di Medina,[12] affermò che "il giorno che Khadijah sposò il messaggero di Allah, lei aveva 28 anni."[13] Se ciò è corretto, lei nacque fra marzo 658 e marzo 569. Altre narrazioni riferiscono altri anni.[14] Qualunque sia stato il suo anno di nascita, era ancora incinta nel 605.

La personalità di Khadijah è descritta come "determinata e intelligente". [15] Sebbene non sia specificato che suo padre fosse un mercante, "i Quraysh erano un popolo dato al commercio,"[16] quindi Khadijah probabilmente spese la sua infanzia seduta al bazar imparando a negoziare affari. I suoi fratelli conosciuti erano due fratelli, Hizam[17] e Al-Awwam,[18] due sorelle, Ruqayqa[19] e Hala,[20] e un fratellastro paterno, Nawfal.[21] Ad un certo punto si parlò del matrimonio di Khadijah con suo cugino, Waraqa ibn Nawfal, ma il matrimonio non avvenne.[22]

Mariti[edit]

Il primo marito di Khadijah fu Atiq ibn A'idh (anche detto Abid), un giovane membro del gruppo Makhzum.[23] I Makhzumiani si arricchirono col commercio e la loro generosità gli valse la lealtà dei loro vicini. Erano adesso dei veri e propri contendenti per la guida della città.[24] Questo matrimonio fu perciò un salto nella scala sociale per Khadijah, ma forse un piccolo salto se la sua famiglia era già ricca. Atiq e Khadijah ebbero due figli, probabilmente – dato che Khadijah generò i suoi figli con un intervallo di due anni[25] – che il matrimonio durò tra i due e i quattro anni. Da sua figlia, Hind, Khadijah derivò il suo "kunya Umm Hind".[26] Their son, Abdullah,[27] Il loro figlio Abdullah,[28] morì infante.[29] La maggior parte delle fonti affermano che Atiq morì,[30] anche se c'è una narrazione differente che dice che il matrimonio terminò con un divorzio.[31]

Dopo Khadijah sposò un nobile beduino, Malik ibn An-Nabbash, della tribù dei Tamim. Da nomadi che aspiravano allo stile di vita urbano, Malik e i suoi due fratelli erano immigrati a Mecca e avevano formato un'alleanza con il gruppo dei Abduldar dei Quraysh.[32] Dato il loro rango, i fratelli Tamim avrebbero trattato i loro nuovi alleati come pari e non come vassalli. Per completare la loro cittadinanza meccana cercarono delle mogli Quraysh, alle quali potevano offrire il rango, connessioni e probabilmente anche denaro. È interessante notare come Malik scelse Khadijah, dato che il gruppo Asad era il rivale tradizionale di Abduldar.[33] Il loro matrimonio diede vita a tre bambini, il che indica che durò fra i quattro ed i sei anni. Dal loro primo figlio, Hala, Malik prese il suo "kunya" Abu Hala.[34] Il loro secondo figlio fu chiamato anch'egli Hind.[35] La loro figlia, Zaynab,[36] probabilmente morì giovane, dato che non se ne sa più nulla, e la stessa Khadijah disse poi che da entrambi i suoi primi due mariti ebbe un figlio morto infante.[37]

In contraddizione con tutto ciò, qualche fonte dice che Khadijah sposò prima Abu Hala e Atiq dopo.[38] Ad ogni modo, un "kunya" era generalmente preso da un primogenito, e questo indica che Umm Hind e Abu Hala non condividevano il primogenito.

Non si sa dove o come Abu Hala morì, ma la Guerra Sacrilega contro la tribù Qays-Aylan dominò gli anni 591-594.[39] Il fratello di Khadijah Hizam fu ucciso nel secondo turno del conflitto,[40] e loro padre Khuwaylid, che doveva avere circa 60 anni, era un generale sul campo.[41] Dopo la morte di Abu Hala, molti cittadini importanti si proposero come mariti per la vedova Khadijah, alcuni di loro investendo grosse somme di denaro nella loro corte, ma suo padre pose il veto per ogni corteggiatore.[42]

Affari[edit]

Khadijah era la donna più ricca a Mecca. Questo spiega il perché attraeva molti corteggiatori. Quando Abu Hala morì, lei era diventata "una donna mercante di dignità e ricchezza. Era solita assumere uomini per continuare i traffici fuori del paese."[43] Sebbene le affermazioni che "metà dei traffici a Mecca appartenevano a Khadijah[44] sono senza dubbio esagerati, è possibile che sia stata la commerciante più facoltosa. Le narrazioni non dicono in che settore operò, ma tra le esportazioni di Mecca si menzionano pellame, lana, profumi, argento, formaggio e farine secche.[45] Non si sa nemmeno come ottenne il suo giro d'affari. Forse suo padre la aiutò a sistemarsi, ma questo porta a chiedersi come mai Khadijah divenne la più prospera tra tutti i suoi fratelli. Se ha avuto un finanziatore in più non disponibile ai suoi fratelli, è stato probabilmente uno o entrambi i suoi mariti. O forse gli affari prosperarono a causa degli sforzi di Khadijah.

Gli apologetici musulmani a volte usano l'indipendenza di Khadijah per indicare le grandi opportunità che l'islam garantisce alle donne. Affermazioni solite la citano come un esempio del "vibrante, spirito liberatore del primo islam"[46] o dicono che le giustificazioni moderne per "rifiutare alle ragazze le stesse possibilità di successo si trovano in un'interpretazione arcaica della religione".[47] Queste affermazioni sono illogiche, dato che la carriera di Khadijah si sviluppò prima che l'islam esistesse. Ciò che ella dimostra sono le opportunità che gli arabi pre-islamici (a volte) garantivano alle donne, le quali non sono si mescolavano liberamente con uomini nel commercio ma erano anche rispettate per questo. La maggior parte dei mercanti erano uomini, ma tra le donne c'erano le pagane Hind bint Utba[48] e la venditrice di profumi Asma bint Mukharriba[49][50] Dopo la morte di Khadijah, alle donne musulmane fu ordinato di restare a casa e indossare il velo,[51] e divenne impossibile per una musulmana condurre ogni tipo di impresa. Khadijah non poteva sapere che a una decade dalla sua morte, il suo stile di vita sarebbe stato proibito alle donne dell'Arabia.

Nella primavera del 595, Khadijah richiese un nuovo agente per accompagnare i suoi cammelli in Siria. Il fratello di sua cognata, Abu Talib ibn Abdulmuttalib,[52] raccomandò i servizi del suo protetto, un nipote che lui [Abu Talib] non poteva più tenere. Khadijah accettò di assumerlo per una commissione superiore a quella che di solito pagava.[53] Il suo nome era Maometto.[54]

Due mesi dopo Maometto tornò a Mecca con della merce con un valore quasi doppio rispetto a quanto atteso da Khadijah.[55] I beni generalmente importanti dalla Siria includevano grano, olio, vino, armi, cotone e lino.[56] Khadijah, che divideva le sue entrate,[57] raddoppiò la commissione di Maometto.[58] Si dice che Khadijah dopo lo inviò per un secondo viaggio, questa volta verso Tihama[59] nello Yemen per importante incenso, mirra e tessuti.[60] Non è chiaro se Khadijah inviò i suoi agenti verso sud nel caldo dell'estate[61] in modo da eliminare la concorrenza; oppure se questo secondo viaggio avvenne durante un inverno dopo che Khadijah e Maometto erano già sposati, e che il dettaglio che lei lo "assunse" sia un errore; oppure se l'intera cronologia è sbagliata, e questi eventi avvennero in un lasso temporale

più lungo di quel che si crede. Ciò che è certo che che per l'estate del 595, Khadijah decise di sposare il suo agente.[62]

Perché Maometto la sposò[edit]

Khadijah inviò come sua intermediary Nafisa bint Umayya, una donna liberata dalla tribù di Abu Hala.[63] Nafisa approcciò Maometto al bazar e vli chiese perché non si era mai sposato. Lui rispose che non poteva sostenere una famiglia. "Ma se i soldi non fossero un ostacolo," Nafisa insistette, "sposeresti una donna ricca, di rango e bella?" Maometto chiese quale donna con quelle caratteristiche lo sposerebbe, e Nafisa disse Khadijah. Maometto insistentemente si disse favorevole.[64] Quando Khadijah chiese di Maometto la volta dopo, era per fare una proposta ufficiale. Disse che la sua nobile famiglia, buona reputazione e onestà personale lo rendessero eleggibile, e si offrì come sua moglie.[65]

Quando Maometto disse a Nafisa che aveva sempre desiderato sposarsi ma non poteva permetterselo, parlava per esperienza personale. Aveva sperato di sposare sua cugina Fahkita, ma Abu Talib lo aveva proibito dandola ad un uomo ricco e dicendo a Maometto che la famiglia aveva bisogno di sposare i soldi.[66] Quindi Maometto stava cercando una moglie ed era disposto a considerare ogni offerta ragionevole. L'offerta di Khadijah, ovviamente, era molto più che ragionevole. Era l'equivalente arabo di un multimilionario, e il suo appoggio fu la più grande fortuna di Maometto.

I commentator musulmani sogliono sottolineare il fat to che Khadijah era una donna "molt più vecchia" e quindi Maometto doveva esser stato nobile e magnanimous per sposarla per il duo carattere piuttosto che per il duo fisico.[67] Sarebbe però difficile prover che Maometto fosse attratto solo dal carattere di Khadijah e non dai suoi soldi. Anche se lei si dimostrò leale ed empatia,[68] non si sa se Maometto avesse avuto la possibilità di conoscere queste qualità caratteriali prima. È certo che conosceva la sua ricchezza.

Non c'è nemmeno alcuna ragione per assumere che Khadijah fosse brutta fisicamente. Se il rapporto di Abdullah ibn Abbas è corretto, era più vecchia di Maometto di soli tre anni. Sebbene un moderno agiografo la descrive come "bella, alta e dalla pelle chiara"[69] senza però citare fonti, anche la serva Nafisa disse che era "bella".[70] Anche se Nafisa stava esagerando (la parola "bella" in questo contesto generalmente significa "aspetto-normale", nel senso di non-malformata o deforme), non aveva motivo di mentire ad un uomo [Maometto] che già sapeva qual era l'aspetto di Khadijah.

Matrimonio controverso[edit]

Khadijah chiese una controdote di 20 camelli.[71] Venti camelli valevano circa 9,700 €,[72] ovvero quattro volte la dote che Maometto diede successivamente alle sue altre mogli.[73] Questo suggerisce che Khadijah "valeva quattro donne" per lui, nel senso che era parte del loro contratto di matrimonio che lui non avrebbe preso altre mogli durante la vita di lei. Un uomo povero come Maometto avrebbe avuto parecchi problemi ad ammassare un così grosso regalo, anche se averse ritornato tutte le bestie che Khadijah gli aveva personalmente donato (vli aveva pagato le commissioni in camelli).[74] La sua buona fortuna nell'accaparrarsi la donna più ricca di Mecca deve aver attratto Abu Talib, che cercava investimenti, e possiamo assumere che la famiglia accomunò le risorse per mettere insieme la controdote.

Il matrimonio richiedeva il consenso del guardiano della sposa, e il padre di Khalijah aveva rifiutato i precedenti pretendenti. Lei perciò si assicurò il suo permesso con l'inganno. Offrì insistentemente a suo padre del vino finché fu ubriaco. Dopo macellò una vacca, coprì le sue spalle con una veste a strisce e sparse profumo su di lui, quando Maometto e i suoi zii entrarono nella casa. Khadijah tirò fuori da suo padre le parole necessarie quand'era troppo ebbro per capire cosa stava dicendo. Quando il matrimonio era in corso, Khawaylid tornò sobrio abbastanza da domandare, "Cos'è questa carne, questa veste e questo profumo?" Khadijah rispose, "Mi hai dato in matrimonio a Maometto ibn Abdullah." Khuwaylid era furioso come sua figlia si aspettava, protestando che non aveva mai dato il suo consenso ad una cosa del genere e sguainò addirittura la sua spada. Anche i parenti di Maometto brandirono le armi prima che qualcuno si rese conto che non valeva la pena spargere sangue per questa faccenda. Era troppo tardi. Maometto era il marito di Khadijah.[75]

Sebbene lo storico musulmano Waqidi negò questa storia imbarazzante (anche mentre la riportava), lo storico britannico Muir argomenta che nessuno aveva nessuna ragione per fabbricarla. La narrazione viene da due fonti indipendenti, entrambi a favore di Maometto e nessuna delle quali aveva nessuna ragione per denigrare il padre di Khadijah o il suo gruppo. Altre due fonti indipendenti, senza menzionare la festa ubriaca, dicono che fu Khuwaylid che diede in sposa Khadijah a Maometto. Sebbene Waqidi sostenga che fu lo zio di Khadijah a darla in sposa perché suo padre era morto prima della Guerra Sacrilega (591-594), il suo pupillo Ibn Saad nomina Khuwaylid come un comandante in quella guerar. Muir quindi conclude che la narrazione della morte di Khuwaylid "è stata inventata, per gettare discredito sulla storia della sua ubriacatezza."[76]

Questa storia evidenzia la natura contrattuale dei matrimoni in Arabia, in cui il guadiano della sposa (suo padre), trasferiva la guardia della donna al nuovo marito. Era in qualche modo simile a comprare un cammello: l'acquisto richiedeva il consenso del venditore. Maometto non criticò mai questa concezione del matrimonio. Sarebbe stato molto conveniente per lui percepire i suoi matrimoni, incluso quello con Khadijah, puramente come un contratto tra marito e moglie. Eppure non c'è nessuna evidenza che lui volle mai cambiare queste cose, anche dopo che si dichiarò come l'ultimo profeta che era saggio per tutti i tempi ed aveva autorità di cambiare tutte le regole. Alla fine della sua vita, fu specifico per quanto riguardava avere i requisiti legali per contrattare con un guardiano;[77] lui non si oppose mai al fatto che la donna appartenesse all'uomo.

Questa storia rivela anche che Khadijah e Maometto capivano il consenso. Non c'era bisogno che fosse "libero" o "informato"; ogni tipo di consenso era legalmente vincolante. Questo tema ricorrerà altre volte nella vita di Maometto. Avrebbe successivamente estratto il consenso con la spada,[78] in difficoltà,[79] da una mente immatura,[80] non rilevando informazioni essenziali,[81] offrendo una falsa dicotomia tra due cattive alternative,[82] sfruttando credi spirituali,[83] attraverso la corruzione[84] o facendo promesse che sapeva che avrebbe spezzato.[85] Eppure non disse mai che ci fosse un problema etico nell'estrarre il consenso in qualsiasi modo potesse funzionare; era chi acconsentiva con Maometto, che era obbligato, in ogni modo, a rispettare la sua parola.

Il matrimonio con Maometto[edit]

Maometto e Khadijah furono sposati per 25 anni. Le biografie moderne di Khadijah a volte sostengono che i suoi compiti durante i primi 15 anni di matrimonio fossero "puramente quelli di una casalinga e di una madre,"[86] oppure che lei "decise di ritirarsi e godersi una vita comoda con suo marito, il quale, preferì una vita ascetica a quella del commerciante."[87]

Queste interpretazioni creative non concordano con le prime fonti che mostrano che Maometto si associò con un Makhzumite, Qays ibn Saayib, e vendette mercanzia nel suo negozio.[88] Dato che Maometto non produceva niente di suo, poteva solo vendere oggetti a Mecca se li importava da qualche altra parte; e se poteva pagare le importazioni, doveva aver esportato con profitto. In altre parole gli affari di Khadijah continuarono dopo il suo matrimonio esattamente come prima.

Questa circostanza spiega molto bene il senso della relazione di Maometto con Khadijah. La sua affermazione che "Khadijah ha speso la sua ricchezza per me"[89] indica la sua ansia per il fatto che i soldi erano di lei e non suoi. Nonostante la sua importante posizione dirigenziale e quanto generosamente Khadijah condivise la sua ricchezza, rimase in controllo dei suoi soldi. Maometto era di fatto il dipendente di sua moglie. Non era in grado di dispiacere sua moglie, perché avrebbe perso tutto se avesse osato allontanarsi. Perciò non solo fu fedele a Khadijah ma le lasciò prendere tutte le decisioni più importanti.[90] Non fu né fedele né cortese con nessuna delle sue mogli successive. In altre parole, Maometto fece il buon marito solo con quella moglie che era in grado di dettare i termini della loro relazione.

Non bisogna assumere che la fedeltà di Maometto verso Khadijah gli sia venuta difficile. Lei gli fu fedele a sua volta; e a giudicare dal loro generare figli, la sua velocità nell' "avvicinarsi a lei" per conforto,[91] e il suo piano deliberato di usare il sesso per distrarlo dai suoi guai,[92] lei si rese molto disponibile sessualmente. La compiacenza di Maometto verso questo accordo conveniente perciò rivela più il suo buon senso che la sua virtù.

Figli[edit]

Khadijah aveva già tre figli prima di questo matrimonio. È incredibile quanto poco si sappia di loro. Gli storici più tardi collezionarono avidamente ogni possibile informazione riguardante Maometto, addirittura come si lavava i denti[93] e come si comportava con dei sandali rotti.[94] La gente che visse sotto il suo tetto era altamente ricercata dagli storici come testimoni oculari. Nonostante ciò, quando le narrazioni furono scritte, quasi tutto ciò che riguardava i suoi figliastri era stato dimenticato. Questo indica che le loro vite non si incrociarono molto con la comunità musulmana.

Le rovine della casa di Khadijah a Mecca.

Dato che le ragazze erano spesso date in sposa durante la pubertà, è possibile che Maometto non visse mai con la sua figliastra Hind bint Atiq. Lei sposò un cugino Makhzumite, Sayfi ibn Umayya, al quale diede almeno un figlio, Maometto ibn Sayfi. Sebbene questo Maometto ebbe una discendenza, è stato detto che nessuno della famiglia sopravvisse; pur non essendoci nemmeno una parola su come morirono.[95]

I due figli di Khadijah vissero con Maometto per molti anni,[96] e si sa che gli piaceva giocare coi bambini.[97] Di Hala si ricorda che "il profeta si svegliò e vide Hala nella sua stanza. Lo strinse al suo petto e gioioso: "Hala, Hala, Hala!"”[98] Se questo è tutto ciò che si ricordavano, allora nessuno ricordava molto. Hala fu dopo ucciso in una rissa da strada quando sfidò un uomo che aveva insultato Maometto.[99] Questo avvene probabilmente prima dell'islam,[100] dato che i musulmani non si lamentarono mai che il figliastro del loro profeta fu ucciso come un martire per la causa.

Il figliastro più giovane, Hind, ricordò a suo nipote, Hussayn ibn Ali, che "la faccia benedetta di Maometto splendeva come una Luna piena... la sua abitudine modesta era di guardare senza fissare... salutava chiunque incontrava... né imbarazzava nessuno...", e così via.[101] Forse l'affetto di Hind per il suo patrigno fu reale; non c'è nessuna prova di qualche conflitto tra di loro. Ad ogni modo, egli diede questa memoria – e molto ancora dello stesso tipo – molto dopo che l'impero islamico fu fondato, quando si potevano dire solo cose positive su Maometto; e non incluse nessun evento specifico della sua infanzia. È chiaro che Hind non fece mai parte della cerchia ristretta di Maometto. Il suo nome non appare nella recensione che Ibn Hisham fece della Sira [biografia di Maometto] di Ibn Ishaq, la quale elenca tutti i primi convertiti e descrive, nome per nome, le azioni dei migranti per Medina. Non compare nemmeno nelle hadith che trattano di quel periodo. Questo suggerisce che non divenne un musulmano fino alla conquista di Mecca nel 630, quando Maometto lo fece governatore nello Yemen.[102] La distanza di questo incarico lo tenne ancora lontano dagli affari intimi di Maometto. Hind morì dopo il 656 a Basra, in Siria. "Il mercato fu cancellato quel giorno, e non si caricarono né scaricarono navi."[103] Ebbe almeno un figlio, chiamato anch'egli Hind; ma di nuovo è riportato che nessun discendente sopravvisse fino al tempo in cui si scrissero le narrazioni.[104]

Nei 10 anni successivi, Khadijah diede altri 6 figli a Maometto, tutti accuditi da un'ostetrica chiamata Salma.[105] Dal loro primo figlio, Qasim, Maometto prese il kunya Abu Qasim. Dopo venne Zaynab, Abdullah, Ruqayya, Umm Kulthum e Fatima.[106] Qualche storico parla di altri due figli, Al-Tahir ("il Puro") oppure Al-Tayyib ("il buono"), ma questa è una lettura sbagliata di Waqidi, che dice chiaramente che questi erano entrambi soprannomi dati ad Abdullah.[107] Qasim e Abdullah morirono entrambi nell'infanzia; le femmine invece sopravvissero.[108] Fatima, che aveva l'aspetto di Maometto[109] ed era la sua favorita,[110] è conosciuta ai musulmani come az-Zahra ("la abbagliante") ed è considerata una grande santa.[111]

Oltre ai suoi figli biologici, Maometto e Khadijah liberarono ed adottarono il loro schiavo, Zayd ibn Haritha. Zayd veniva dalla tribù degli Udhra. Fu rapito ad una giovane età da un commerciante di schiavi e venduto nel mercato degli schiavi per 400 dirhams (circa 2400 €). Fu comprato dal nipote di Khadijah, che lo regalò alla zia. Quando fu chiaro che Maometto e Khadijah non avrebbero avuto un figlio maschio da soli, Maometto prese Zayd vicino a sé[112] e gli fece molti piccoli favori,[113] quando i due alla fine ebbero un conflitto di interessi, Maometto ignorò i diritti di Zayd e badò solo a sé stesso.[114]

Ci fu un periodo di avversità causato da una siccità, Khadijah diede alla madre adottiva di Maometto 40 pecore e un cammello carico di provviste.[115] Maometto volontariamente aiutò suo zio Abu Talib prendendosi cura di uno dei suoi ultimi figli. Da qui in poi Maometto e Khadijah crebbero il cugino piccolo di Maometto Ali ma non lo adottarono legalmente.[116] Nuovamente, Maometto mostrò esplicitamente grande affetto verso Ali[117] e gli diede persino sua figlia Fatima in sposa.[118] Ma l'apparente successo dell'accordo di famiglia dev'essere contestualizzato nella realtà in cui Abi crebbe con una notevole mancanza di altri esseri umani.[119]

Politeismo[edit]

Moderni agiografi a volte sostengono che la virtuosa Khadijah, "differentemente dalla sua gente, non credette mai né adorò mai gli idoli." [120] Le fonti primarie però dicono diversamente. Khadijah tenne a casa sua un idolo di Al-Uzza, una dea stellare vergine, che era la patrona di Mecca ed era creduta essere potente in guerra.[121][122][123] The family used to worship it just before bedtime.[124] Maometto a volte sacrificò una pecora bianca alla dea,[125] e Khadijah sacrificò due capretti alla nascita di ogni figlio e un capretto alla nascita di ogni figlia.[126] Quando Maometto si lamentò dell'Occhio Cattivo, Khadijah era solita andare a chiamare una vecchia strega per mandarlo via.[127] Nel 605 una grande alluvione danneggiò la Kaba, ed i cittadini più importanti di Mecca cooperarono per ricostruirla. Maometto giocò un ruolo prominente arbitrando una disputa su chi avrebbe avuto l'onore di reistallare la Pietra nera.[128] Non diede nessun segno allora di aver rigettato nessuno dei 360 dei presenti alla Kaba che così ristabilì.

Ad ogni modo, in una data non specificata e senza darne motivo, Maometto e Khadijah si distaccarono dalla loro religione tradizionale. Maometto e suo figlio Zayd vennero sotto l'influenza dello schietto monoteista Zayd ibn Amr al-Adiyi, il quale gli disse che non aveva mai mangiato carne offerta agli idoli. Maometto allora decise che non avrebbe mai più fatto sacrifici per Al-Uzza.[129] Finalmente confessò la sua miscredenza a Khadijah. Lei rispose dicendogli "lascia Al-Lat e lascia Al-Uzza."[130] (Al-Lat era la dea madre-Terra che veviva venerata a Ta'if.)[131][132] L'accettazione così pacata dell'apostasia di suo marito suggerisce che anche Khadijah aveva già perso fede.

Non è scritto cosa Maometto e Khadijah fecero con i loro idoli; né è scritto se e a quale gruppo religioso si unirono successivamente. I monoteisti che vivevano o viaggiavano a Mecca includevano gli ebrei, i cristiani, gli zoroastriani e i sabei;[133] ma Zayd ibn Amr non si identificava con nessuno di questi gruppi. Ad ogni modo, non c'è dubbio che Maometto e Khadijah impararono le idee monoteiste – paradiso, inferno, libri sacri, profeti – dal cugino di Khadijah Waraqa ibn Nawfal e Uthman ibn Al-Huwayrith e dal cugino di Maometto Ubaydallah ibn Jahsh.[134] Khadijah iniziò a parlare come se ci fosse un solo dio.[135]

Islam[edit]

Questa caverna sul monte Hira è largamente creduta la stessa caverna dove Maometto incontrò per la prima volta l'angelo Gabriele. Oggi è una meta turistica per i pellegrini musulmani.

Maometto iniziò a meditare nelle caverne, lasciando spesso la sua famiglia per giorni di fila per concentrarsi sulle sue devozioni.[136] Nell'agosto del 610, all'età di 39 anni, queste meditazioni furono interrotte da un'esperienza che lo terrificò.[137] Barcollò a casa da Khadijah nella convinzione di aver visto l'angelo Gabriele e di essere posseduto da un demone.[138] Khadijah lo coprì con una coperta e lo consolò. Non credeva che Maometto potesse essere posseduto. "Allah non ti tratterebbe così perché conosce il tuo buon carattere. Quindi sii felice e contento! Ho speranza che tu sarai il profeta di questa comunità." Dopo lei indossò il mantello e portò Maometto dal di lei cugino Waraqa per consultarsi.[139]

Waraqa era un vecchio cieco che si era convertito al cristianesimo e aveva studiato la traduzione araba dei vangeli.[140] Secondo Maometto, Waraqa disse: "Sacro, sacro! Queeta è stata la grande Namus [legge] che venne a Mosè. Sei il profeta di questa gente. Dovrei vivere finché ricevi il messaggio divino, ti supporterò fortemente."[141] Se Waraqa disse così, allora non mantenne la sua promessa. Sebbene visse per altri 3 anni,[142] la gente dopo la sua morte si chiedeva se fosse mai stato un musulmano,[143] il che indica che Waraqa non si disse mai musulmano né affermò mai l'islam in pubblico. Nessuno a parte Maometto e Khadijah sentirono mai Waraqa dire che Maometto era un profeta. Maometto ammise addirittura ad Aisha che Waraqa fu suggerito da Khadijah nel dare questa risposta.[143]

Non fu Waraqa a far credere a Maometto di essere un profeta, ma Khadijah.[144] Già poche ore dopo aver dedotto che suo marito era un profeta, si assicurò che il suo vicino di casa si convertisse.[145] Quando dopo annunciò che l'angelo Gabriele era nella stanza, Khadijah volle mettere alla prova l'angelo Gabriele (che lei non poteva vedere) stando in piedi davanti al raggio visivo immaginario dell'angelo Gabriele, si tolse la vestaglia e chiese a Maometto di fare sesso con lei. Maometto dopo riporterà che Gabriele se ne era andato, e Khadijah dichiarò che la modestà di Gabriele era un segno certo che era un angelo e non un demone.[146]

Poco dopo, Maometto disse che Gabriele aveva smesso di fargli visita. Dopo l'iniziale terrore per le sue strane esperienze, adesso era distrutto dalla loro assenza.[147] Per molti anni divenne così depresso che considerò di suicidarsi gettandosi da un precipizio. Anche se tornava da ogni tentativo dicendo che Gabriele gli era riapparso in tempo per fermarlo,[148] l'angelo però non era rimasto abbastanza per dargli altre nuove profezie. Alla fine Khadijah lo derise: "Credo che il tuo Signore deve odiarti!"[149] Questo pungolare, l'unica volta in cui Khadijah non appoggiò suo marito, suggerisce una profonda delusione dalla possibilità che Maometto forse non era un profeta dopotutto. Poco dopo difatti Maometto riportò una nuova profezia: "Il tuo dio non ti ha abbandonato, né ti odia..."[150]

Maometto non disse mai più d'essere spaventato dall'angelo. Da allora in poi riportò visite regolari di Gabriele, che portò nuove rivelazioni da Allah.[151] Uno dei primi messaggi riguardava il rituale corretto per le cinque preghiere giornaliere. Dopo di ciò Maometto era spesso visto in pubblico, lavandosi la faccia guardando la Kaba per pregare, con Ali al suo fianco e Khadijah un passo dietro di loro.[152] Khadijah accettò fin dall'inizio che il posto di una donna nell'islam era dietro all'uomo. Anche le loro 4 figlie e Zayd furono tra i primi convertiti.[153] Dopo la conversione di Abu Bakr, ovviamente, non si poteva tornare indietro.[154]

La persecuzione[edit]

Dopo 3 anni e circa 50 convertiti,[155] a Mecca si sapeva ormai che Maometto si considerava un profeta. Ricevette però poca attenzione[156] fino al giorno in cui raccolse i suoi parenti per una cena e li invitò ad abbandonare i loro idoli e sottomettersi ad Allah. Nessuna conversione di massa seguì però;[157] i meccani erano dubbiosi e sospettosi e lo ignorarono. Discoraggiato, Maometto confidò i suoi problemi a Khadijah,[158] che fu rapida a consolarlo. I cittadini di Mecca lo accusarono di essere un bugiardo spudorato, e Khadijah continuava a rassicurarlo dicendogli che era un profeta.[159] I dibattiti portarono a discussioni rabbiose e prese in giro, e Khadijah denigrava la loro pazzia. A parte questo breve riassunto dell'atteggiamento di Khadijah, sorprendentemente pochi dettagli sono registrati. Le esatte parole della sua risposta alle prese in giro non sono sopravvissute, e non è nemmeno descritto come lei "lo aiutò nel suo lavoro."[160] Ci sono davvero poche hadith sulla sua vita quotidiana con Maometto oppure sulla sua partecipazione negli affari della comunità, sebbene ci devono essere stati molti testimoni di entrambe le cose.

Maometto continuò a predicare, e le discussioni pubbliche portarono a risse per le strade. Fu un musulmano a dare il primo colpo,[161] ma quando Maometto continuò i suoi attacchi svergognati,[162] sfottendo gli idoli della Kaba, i pagani iniziarono una campagna sistematica di punire gli schiavi e gli adolescenti musulmani.[163] Uno dei peggiori insultatori era il fratello di Khadijah, Nawfal, chiamato dai musulmani "un Satana dei Quraysh." Una volta legò Abu Bakr al suo consanguigno Talha ibn Ubaydullah e li lasciò legati assieme.[164] Il suo atteggiamento sollevò domande interessanti sulla relazione di Khadijah con suo fratello – specialmente dato che lo stesso figlio di Nawfal era uno dei primi convertiti all'islam.[165] Ad ogni modo, se il suo scherzo maligno causò ad Abu Bakr e Talha degli inconveniente, se questa era l'azione di un "Satana", allora le violenze generali era assai lontane dalle minacce di vita. La maggioranza dei convertiti fuggirono verso l'Abissinia, dove il re cristiano estese la sua protezione incondizionata. Maometto e Khadijah, essendo sotto la protezione dello zio di Maometto, Abu Talib, rimasero a Mecca.[166]

Altre domande sulla famiglia di Khadijah sorsero dall'acquisto e dalla manomissione che Abu Bakr fece di 7 schiavi maltrattati,[167] tra loro Al-Nahdiya bint Habib e sua figlia (senza nome). La storia racconta di come la padrona di Al-Nahdiya giurò che non li avrebbe mai liberati, e di come cambiò idea rapidamente quando udì la proposta di riscatto fatta da Abu Bakr, e di come ritardarono l'accetazione della loro libertà finché non ebbero finito di macinare la farina della loro ex padrona.[168] Ma di solito i racconti di questa storia omettono un dettaglio importante: Al-Nadhiya era la nipote della stessa Khadijah. La sorella di Khadijah, Ruqayqa aveva una figlia chiamata Umayma bint Abdullah.[169] C'era qualcosa di irregolare riguardo la vita coniugale di Umayma: "lei andò a un forestiero" (qualunque cosa questo significhi) e sposò un uomo di Ta'if. La figlia di questa unione era la schiava Al-Nahdiya bint Habib.[170] E inoltre, il padrone di Al-Nahdiya apparteneva al gruppo rivale Abduldar.[171] Non è chiaro se la stessa Umayma sia stata ridotta a schiavitù oppure se ciò toccò solo a sua figlia, forse creduta in qualche modo illegittima, ad essere in catene. Ad ogni modo, se avesse voluto Khadijah avrebbe potuto facilmente offrire il riscatto per le sue nipoti se avesse voluto; dato che non voleva, ci dev'essere stato qualche risentimento associato con la situazione di Al-Nahdiya che fece sì che Khadijah non voleva aiutarla. Per questo motivo, nessun altro familiare la aiutò. Dato che la cronologia esatta di questi eventi è sconosciuta, è difficile dire se lo scherzo con la corda di Nawfal aveva qualcosa a che fare con il riscatto delle nipoti imbarazzanti di Nawfal fatto da Abu Bakr. Insomma, è difficile calcolare quanto le molestie verso i musulmani erano dovute all'islam e quanto erano dovute a vecchi litigi pre-islamici.

Maometto minacciò i suoi opponenti con l'inferno, descrivendogli dettagliatamente come i peccatori sarebbero stati "gettati a capofitto"[172] dentro un' "esplosione di fuoco e acqua bollente, con ombre di fumo nero,"[173] per bere un "liquido bollente, e un linqudo scuro, torbido, estremamente freddo,"[174] che non lasciava sopravvivere né scappare nessuno, "inscurendo e cambiando il colore dell'uomo."[175] Khadijah dovette prendersi anche lei degli avvertimenti. Quando chiese dei suoi figli morti durante i giorni dell'ignoranza [i musulmani usano quest'espressione per indicare i tempi precedenti all'islam], Maometto rispose, "Sono all'inferno. Se li vedessi li odieresti." Quando chiese del figlio che gli diede, lui rispose, "Lui è in paradiso... in verità i credenti ed i loro figli saranno in paradiso, e i politeisti e i loro figli saranno all'inferno."[176] La conclusione di Maometto è interessante nel senso che tutti i figli in questione erano morti prima dell'islam. Non spiegò perché la successiva conversione di Khadijah era retroattivamente effettiva per salvare qualche suo figlio (quelli avuti con Maometto) ma non tutti i suoi figli.

Dopo le conversioni di due cittadini violenti, Hamza ibn Abdulmuttalib[177] e Umar ibn Al-Khattab,[178] i gruppo dominanti di Mecca dichiararono un boicottaggio. Questo boicottaggio era contro l'intero gruppo di Maometto, inclusi i non-musulmani. Da allora in poi nessun meccano poteva commerciare, socializzare o sposarsi con gli Hashimiti.[179] Il gruppo dedusse che loro erano stati condannati ad uno stato di fuorilegge e non sarebbero stati protetti da furti o violenze. Avendo paura di peggiori ostilità, nel settembre del 616 Abu Talib evacuò gli Hashmiti da Mecca. Si accamparono in una gola di una montagna "formata dalla spazzatura, o la parete della montagna, dove le pietre del monte Abu Cobeis davano alla periferia di Mecca. Si entrava nella città da un cancello basso, dal quale un cammello passava con difficoltà. Da tutti gli altri lati era staccata dalla città da dirupi e palazzi."[180] Un'entrata così piccola poteva essere controllata costantemente, lasciando gli Hashmiti al sicuro ma in effetti intrappolati.

"I Quraysh bloccarono il grano ed altre necessità."[181] Per le provviste gli Hashmiti dovevano dipendere da amici contrabbandieri disposti ad aggirare i meccani.[182] Per esempio, Hishman ibn Amr "portava un cammello carico di cibo la notte, e dopo quando arrivava all'inizio del vicolo, levava la cavezza al cammello, gli dava una pacca sulla pancia e lo mandava nel vicolo da loro. Faceva la stessa cosa un'altra volta, portando vestiti per loro."[183] Dato che gli Hashmiti non potevano guadagnare soldi per pagare questo cibo, dovevano spendere i loro risparmi. Nei 3 anni successivi, Khadijah esaurì tutta la sua ricchezza per supportare la comunità.[184] La severità del blocco continuò ad intensificarsi e gli Hashmiti rimasero nel passo della montagna per 3 anni.[185]

Co-mogli[edit]

I musulmani spesso parlano con orgoglio di come Maometto fu fedele a Khadijah. Commentano di come fu "la sua giovinezza e costituiva due-terzi della sua vita coniugale,"[186] e che "dovrebbe essere notato da coloro che criticano la sua poligamia negli anni successivi."[187]

In un senso ciò è vero. Per esempio, quando i capi dei Quraysh volevano terminare il boicottaggio, offrirono a Maometto "quante mogli in mogli quante ne voleva," assieme a ricchezza, potere politico e un esorcista competente, se l'avesse smessa di insultare i loro dei. Maometto disprezzò questa offerta.[188] In questo caso, comunque, la sua lealtà verso Khadijah difficilmente può essere separata dalla sua lealtà alla sua attività profetica. Rispose all'appoggio di Khadijah con una rivelazione nepotistica che la Vergine Maria era stata la donna migliore della sua generazione e Khadijah era la donna migliore della generazione presente.[189] Affermò che sebbene ci fossero molti uomini perfetti, c'erano state solo 3 donne perfette: Asiya "donna di Faraone", che salvò il bimbo Mosè; Maria la vergine madre del profeta Gesù; e Khadijah. Successivamente farà entrare anche sua figlia Fatima all'interno delle quattro "donne migliori del paradiso."[190] Come le tre figlie più grandi reagirono a questo spudorato favoritismo non si sa. Quando Khadijah portò a Maometto una scodella di zuppa, le fu concesso un messaggio dall'angelo Gabriele (del quale successivamente Aisha sarà molto invidiosa): "Dalle i saluti di Allah e la buona notizia che in paradiso avrà un palazzo costruito di perle cave, dove non ci sarà rumore o fatica."[191]

Eppure, a discapito di questa lealtà verso Khadijah, è proprio in questo periodo che Maometto ammette francamente di pensare ad altre donne. Fu solo dopo il 614 che introdusse nella sua descrizione del paradiso le "modeste" "vergini" con "occhi splendenti" e "seni crescenti" che si adagiavano "come perle o rubini" su "cuscini verdi".[192] Secondo Muir, tutte le descrizioni nel Corano delle vergini sono state rivelate durante gli ultimi anni di vita di Khadijah; quando Maometto si spostò a Medina, si risposò con una donna più giovane, c'erano solo due brevi e lievi riferimenti[193] alle "compagne pure".[194] Muir potrebbe aver calcolato male, dato che il riferimento più dettagliato alle vergini divine[195] è a volte datato al periodo di Medina,[196] sebbene lo storico tedesco Nöldeke assegnò queste rivelazioni alla periodo in cui Khadijah era ancora in vita[197] A prescindere dalla data esatta in cui Maometto mutò il suo interesse, è certo che Khadijah sapeva delle vergini mentre invecchiava.

Il boicottaggio contro il gruppo degli Hashmini fu sollevato "nel decimo anno" (tra l'agosto del 619 e l'agosto del 620), e il gruppo di Maometto tornò alle proprie case a Mecca.[198] Ormai Khadijah stava morendo.[199] Maometto la confortò nella sua ultima malattia ricordandole che stava per andare nel suo palazzo ingioiellato in paradiso – perciò doveva comunicare i suoi migliori auguri alle sue co-mogli. Quando Khadijah si mostrò stupita alla notizia che Maometto aveva già avuto mogli decedute, lui spiegò che Allah lo aveva sposato in paradiso con la regina Asiya, a "Kulthum la sorella di Mosè" e alla Vergine Maria. Il tema di avere 4 mogli sembra essere stato nella sua mente persino negli ultimi momenti di vita di Khadijah. Lei rispose con l'augurio convenzionale verso un novello sposo: "Possa l'unione essere benedetta."[200]

Morte[edit]

Khadijah morì il 10 Ramadan "nel decimo anno di profezia, tre anni prima della Hijra, ovvero, il 22 aprile 620, e fu sepolta nel cimitero del monte Hajun vicino Mecca.[201]

"Il messaggero di Allah era così afflitto per Khadijah che le persone erano preoccupate per lui."[202] Per il resto della sua vita parlò spesso di lei con calore[203] e a volte sembrò sopraffatto dal dolore della sua assenza.[204] Soleva dire: Khadijah credeva in me quando loro dubitavano; mi finanziò quando provarono ad affamarmi; e lei è la madre dei miei figli. Allah stesso nutrì il mio amore per lei nel mio cuore."[205]

L'islam cambiò direzione dopo la morte di Khalijah. Già dopo 7 settimane Maometto aveva 2 nuove mogli.[206] Allo stesso tempo iniziò a cercare alleanze militari con tribù straniere,[207] sebbene ci volessero altri 2 anni prima che riuscisse a dichiarare guerra a Mecca.[208] Persino le sezioni del Corano composte alla fine del periodo meccano di Maometto, sebbene narrative più che legislative, suonano più come la prosa piatta di Medina piuttosto che la poesia del periodo di Khadijah.[209] Si dice frequentemente "L'islam è nato dalla spada di Ali e dalla ricchezza di Khadijah."[210] È chiaro che il contributo di Khadijah alla fondazione dell'islam è molto maggiore alla contribuzione monetaria.

This page is featured in the core article, Islam and Women which serves as a starting point for anyone wishing to learn more about this topic Core part.png

Vedi anche[edit]

Inglese

  • Muhammad's Wives - A hub page that leads to other articles related to Muhammad's wives and concubines

Traduzioni

  • Una versione di questa pagina è disponibile anche nelle seguenti lingue: Bulgaro, Inglese. Per altre lingue, vedi la barra laterale a sinistra.

Collegamenti esterni (inglese)[edit]

Riferimenti[edit]

  1. Ibn Hisham note 127, note 918. Sahih Muslim 31:5975.
  2. E.g., Razwy, S. A. A. (1990). Khadija tul Kubra: A Short Story of Her Life. New York: Tahrike Tarsile Qur'an.
  3. E.g., Mus’ad, M. F. (2001). Wives of the Prophet Muhammad: their Strives and Their Lives, p. 7. Cairo: Islamic Inc.
  4. Qur'an 33:6.
  5. Guillaume/Ishaq 24, 82.
  6. Guillaume/Ishaq 3.
  7. Guillaume/Ishaq 82.
  8. “Khadija” in Almaany Arabic-English Dictionary. Behind the Name.
  9. E.g., Al-Tabari, Vol. 6, p. 47.
  10. Bewley/Saad 8:9, 11-12. Al-Tabari, Vol. 39, pp. 41, 106.
  11. Sahih Muslim 10:3662. Vedi anche Al-Tabari, Vol. 39, pp. 40, 43, dove Huwaytib ibn Abduluzza sostiene di avere 120 anni, e allo stesso tempo dichiara che non sa contare.
  12. Al-Tabari, Vol. 39, p. 95.
  13. Ibn Kathir, Al-Bidaya wa’l-Nihaya vol. 5 p. 293. Majlisi, Bihar al-Anwar vol. 16 p. 12. Ibn Ishaq, cited in Al-Hakim al-Nishaburi, Mustadrak vol. 3 p. 182.
  14. Guarda Kister, M. J. (1993). The Sons of Khadija. Jerusalem Studies in Arabic and Islam, 16, 59-95.
  15. Guillaume/Ishaq 82.
  16. Guilaume/Ishaq, p. 82.
  17. Guillaume/Ishaq 160.
  18. Guillaume/Ishaq 115.
  19. Bewley/Saad 8:180.
  20. Sahih Bukhari 5:58:168
  21. Guillaume/Ishaq 177.
  22. Bewley/Saad 8:9.
  23. Ibn Hisham note 918. Bewley/Saad 8:151.
  24. Guillaume/Ishaq 142-143. See also Bewley/Saad 8:61; Al-Tabari, Vol. 39, p. 196.
  25. Bewley/Saad 8:10. 36.2/ Ibn Saad, Tabaqat 1:36:2.
  26. Bewley/Saad 8:9. Al-Tabari, Vol. 39, p. 161.
  27. Ibn Hisham note 918.
  28. Ibn Hisham note 918.
  29. Tirmidhi 117.
  30. Al-Tabari, Vol. 9, p. 127.
  31. Kister (1993) riassume queste fonti, citando Ibn Ishaq, come ha trasmesso Yunus ibn Bukayr, Al-Siyar wa-l-Maghazi p. 82, e Majlisi, Bihar al-Anwar vol. 16 p. 10, per la morte di Atiq, e Baladhuri, Ansab al-Ashraf vol. 1 pp. 406-407, per il divorzio.
  32. Bewley/Saad 8:9, 151. Al-Tabari, Vol. 9, p. 127. Al-Tabari, Vol. 39, p. 79.
  33. Guillaume/Ishaq 57.
  34. Bewley/Saad 8:9. Kister (1993) documenta le fonti in cui Malik era anche conosciuto come Hind e suo figlio Hala era anche conosciuto come Al-Harith. Non era inusuale per gli arabi essere conosciuti con nomi alternativi e apparentemente irrelati.
  35. Ibn Hisham note 918. Bewley/Saad 8:9.
  36. Ibn Hisham note 918.
  37. Tirmidhi 117.
  38. E.g., Bewley/Saad 8:9.
  39. Guillaume/Ishaq 82. 32.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:32:1. Stranamente, Ibn Hismah nella nota 124 parla di una peste avvenuta nel 585. Sebbene la nota 124 fosse stata scritta per esser letta subito dopo l'affermazione di Ibn Ishaq che contraddice, non c'è una sola parola che spiega questa inconsistenza. Ad ogni modo le ostilità dei primi tempi iniziarono parecchi anni prima della cosiddetta battaglia "pennuta" (Muir (1861) vol. 2 pp. 2-5). Una possibile spiegazione è che Ibn Hisham confuse volontariamente la prima scaramuccia informale (quando Maometto aveva 14 anni) con la prima battaglia effettiva (quando Maometto aveva 20 anni) e che quindi la sua giovinezza potrebbe scusare la sua mancanza di valore in battaglia (Muir, 1861, pp. 6-7f).
  40. Al-Tabari, Vol. 39, p. 41
  41. Waqidi, Kitab al-Maghazi, citato in Muir (1861) vol. 2 pp. 7f9, 22, 24f28.
  42. Al-Tabari, Vol. 6, pp. 48-49. 35.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:35:1.
  43. Guillaume/Ishaq 82.
  44. Bewley/Saad 8:10.
  45. Guillaume/Ishaq 424, 547, 716. Vedi anche Crone, P. (2007). Quraysh and the Roman army: Making sense of the Meccan leather trade. Bulletin of SOAS, 70, 63–88.
  46. "Khadijah, la prima moglie del profeta ... una straordinaria figura nella storia della liberazione femminile... può aiutarci a rivendicare lo spirito vibrante e liberatore del primo islam. Solo questo potrebbe rimuovere l'immagine attuale dei musulmani tra i non-musulmani." - Bandukwala, J. S. “Hazrat Khadija was an outstanding female liberating figure in history,” letter to the editor in New Age Islam, 22 May 2010.
  47. "Per le ragazze musulmane d'ogni dove, Khadijah è uno dei primi modelli femminili introdotta dai genitori e dagli insegnanti di religione. Una donna d'affari fatta da sola ... aveva già creato il proprio successo ... La giustificazione per negare uguali opportunità alle ragazze risiede nelle interpretazioni arcaiche della religione ... Non c'è nulla di contraddittorio in essere una donna musulmana potente." - Saraswati, R. E. (2012). “Khadijah Bint Khuwaylid: Perfect Woman” in Aquila Style.
  48. Bewley/Saad 8:165.
  49. Bewley/Saad 8:209.
  50. “Makka” in Bearman, P., Bianquis, T., Bosworth, C. E., van Donzel, E., & Heinrichs, W. P. (Eds.). (2006). 'Encyclopaedia of Islam, 2nd Ed. Brill Online.
  51. Qur'an 33:54
  52. Guillaume/Ishaq 162, 585. Bewley/Saad 8:29.
  53. 34.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:34:2. Bewley/Saad 8:10.
  54. Guillaume/Ishaq 82.
  55. Al-Tabari, Vol. 6, p. 48. Bewley/Saad 8:10.
  56. Crone, P. (2007). “Makka” in Bearman, P., et al. (Eds.) (2006).
  57. Guillaume/Ishaq 82.
  58. Bewley/Saad 8:10.
  59. Al-Tabari, Vol. 6, p. 49
  60. Guillaume/Ishaq 128, 158, 271.
  61. Guillaume/Ishaq 58. “Makka” in Bearman, P., et al. (Eds.) (2006). See also Qur'an 106:2.
  62. Guillaume/Ishaq 82; Bewley/Saad 8:10.
  63. Bewley/Saad 8:10, 172. A volte è conosciuta dalla linea materna come Nafisa bint Munya, il che suggerisce che fosse illegittima.
  64. 35.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:35:1.
  65. Al-Tabari, Vol. 6, p. 48.
  66. Al-Tabari, Vol. 39, p. 196. Bewley/Saad, Tabaqat 8:109.
  67. "L'amato profeta preferì avere il suo primo matrimonio con una vedova 15 anni più vecchia di lui e ciò mostra [sic] come l'amato profeta aveva un carattere nobile più di ogni cosa." - Saleem, H. M. (2012). Justification of the marriages of the Beloved Holy prophet. Pakistan Journal of Islamic Research, 9, 1-20.
  68. Guillaume/Ishaq 111
  69. Ordoni, Abu M. (1987). Fatima the Gracious, p. 27. Qum: Ansariyan Publications.
  70. 35.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:35:1.
  71. Guillaume/Ishaq 82; Ibn Hisham note 918.
  72. Numerose hadith come Sahih Bukhari 2:24:528 e Sahih Muslim 10:3893 indicano che un cammello costa circa 80 dirhams, sebbene questo variava con l'età e la salute del cammello. Quindi 20 cammelli varrebbero 1.600 dirhams. Sahih Bukhari 5:59:357 indica che il guadagno annuale di 5.000 dirhams era più che sufficiente, quindi la controdote di Khadijah era equivalente a 4 mesi di guadagno della classe media. Ad ogni modo sembra che una persona frugale potesse vivere con una dirham al giorno (Muir (1861) vol. 4 p. 156), quindi la stessa somma basterebbe per 4 anni per un lavoratore. Anche se è quasi impossibile calcolare l'esatto valore per una cultura così differente, la dirham, una moneta d'argento, era il prezzo di una scodella di legno o di un telo (Sunan Abu Dawud 9:1637) oppure una collana economica (Sunan Abu Dawud 14:2704), perciò possiamo pensare che una dirham valesse 6 €, una moneta d'oro valente 10 dirhams' era il prezzo di una pecora.
  73. Al-Tabari, Vol. 39, p. 189. See also Ibn Hisham note 918. Le stesse 400 dirhams (£2,000) erano il riscatto per un prigioniero di guerra (Sunan Abu Dawud 14:2685) oppure il prezzo di partenza per uno schiavo (Al-Tabari, Vol. 39, p. 6).
  74. 34.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:34:2.
  75. Al-Tabari, Vol. 6, p. 49. 35.4/ Ibn Saad, Tabaqat 1:35:4, 5. See also Guillaume/Ishaq 83 and Ibn Hisham note 918.
  76. Muir (1861) vol. 2 p. 24f. See also Al-Tabari, Vol. 6, pp. 48-50; Ibn Hisham note 918.
  77. E.g., see Bewley/Saad 8:63, 65; Al-Tabari, Vol. 39, pp. 178-179; Bewley/Saad 8:105.
  78. E.g., Guillaume/Ishaq 547.
  79. E.g., Guillaume/Ishaq 314-315. Bewley/Saad 8:87-88.
  80. E.g., Bewley/Saad 8:43.
  81. E.g., Guillaume/Ishaq 463-464. Al-Tabari, Vol. 39, p. 165.
  82. Bewley/Saad 8:40. Guillaume/Ishaq 493.
  83. Jalalayn, Tafsir Q33:36. See also Qur'an 33:36. Sahih Bukhari 3:43:648, Sahih Muslim 4:3511.
  84. Guillaume/Ishaq 438; 594-597.
  85. E.g., Guillaume/Ishaq 504, 509. Bewley/Saad 8:181-182.
  86. "Durante i primi 15 anni del suo matrimonio, i doveri di Khadijah era quelli di una casalinga e di una madre." - Razwy, S. A. A. (1990). Khadija-Tul-Kubra: The Wife of the Prophet Muhammed, p. 146. New York: Tahrike Tarsile Qur’an.
  87. "Khadija ... non sentì il bisogno di continuare a commerciare ed aumentare la sua ricchezza; scelse invece di ritirarsi e godere una vita agiata con suo marito il quale invece preferì una vita ascetica a quella di commerciante." - Al-Jibouri, Y. T. (1994). Khadija Daughter of Khuwaylid, Wife of Prophet Muhammad (pbuh).
  88. Ibn Hanbal, Musnad vol. 4 p. 352.
  89. Ibn Hanbal, Musnad vol. 6 pp. 117-118.
  90. Guillaume/Ishaq 313.
  91. Guillaume/Ishaq 106
  92. Guillaume/Ishaq 107; Al-Tabari, Vol. 6, p. 73.
  93. Sahih Bukhari 1:4:245
  94. Sahih Muslim 24:5235
  95. Bewley/Saad 8:9.
  96. Al-Tabari, Vol. 9, p. 127. Nota in cui Tabari assume che Hind fosse una femmina (sia Hind che Hala erano nomi unisesso, anche se più comuni per le femmine), il che aggiunge altra confusione a quella già presente
  97. Sahih Bukhari 8:73:151. See also Sahih Bukhari 8:73:150.
  98. Ibn Hajar, Al-Isaba 6:516:8919, cited in Kister (1993).
  99. Baladhuri, Ansab al-Ashraf; Ibn Hajar, AI-Isaba 1:604:1501; both cited in Kister (1993).
  100. Al-Tabari, Vol. 39, pp. 79-80.
  101. "La faccia benedetta di [Maometto] si illuminà come una Luna piena... la sua abitudine modesta era di guardare qualcosa senza fissare... salutava chiunque incontrava... non imbarazzava nessuno... Quando si arrabbiava con qualcuno, girava la testa e lo ignorava oppure lo perdonava. Quand'era felice per l'umiltà chiudeva gli occhi. La sua risata era perlopiù un sorriso, in cui i suoi denti incisivi brillavano come chicchi di grandine." - Tirmidhi, Shama’il 1:7; Tirmidhi, Shama’il 33:3.
  102. Al-Tabari, Vol. 3, pp. 228-230, 318-321, 328; Ibn Hajar, Al-Isaba 3:515:3258; both cited in Kister (1993).
  103. Al-Tabari, Vol. 39, p. 80.
  104. Ibn al-Kalbi, Jamharat al-Nasabi, cited in Kister (1993).
  105. Bewley/Saad 8:10, 160.
  106. Bewley/Saad 8:10. 36.2/ Ibn Saad, Tabaqat 1:36:2.
  107. Bewley/Saad 8:10. 36.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:36:1. Also cited in Muir (1861) 2:27f.
  108. Guillaume/Ishaq 82; Ibn Hisham note 918; Bewley/Saad 8:10.
  109. Sahih Bukhari 4:56:819. Sunan Abu Dawud 41:5198.
  110. Bewley/Saad 8:16. Ibn Kathir, Tafsir on Qur'an 66:11.
  111. See “Fatimah az-Zahra” in Qutb, M. A. (1995). Women around the Messenger. Translated by A. A. Imam. Riyadh: International Islamic Publishing House for a typical hagiography.
  112. Guillaume/Ishaq 115; 314-315. Al-Tabari, Vol. 7, p. 8. Sahih Bukhari 4:53:324. Sunan Abu Dawud 12:2271. Sahih Muslim 8:3441.
  113. Guillaume/Ishaq 186; 308; 364; 660; 662; 664. Al-Tabari, Vol. 7, 16. Bewley/Saad 8:72. Sahih Bukhari 5:59:562.
  114. See Al-Tabari, Vol. 8, pp. 1-4.
  115. 27.20/ Ibn Saad, Tabaqat 1:27:20.
  116. Al-Tabari, Vol. 6, p. 83.
  117. E.g., Guillaume/Ishaq 234, 286, 293, 593, 650; Sahih Bukhari 4:52:219; Sahih Muslim 1:141; Sahih Muslim 31:5917.
  118. Al-Tabari, Vol. 39, p. 167.
  119. E.g., Guillaume/Ishaq 496; Sahih Bukhari 5:59:637; Sahih Bukhari 8:82:803; Sahih Bukhari 8:81:769; Sahih Bukhari 9:84:57.
  120. "Una qualità particolare di Khadijah era abbastanza interessante, probabilmente molto più delle altre qualità dette prima: lei al contrario della sua gente non credette né adorò mai gli idoli." - Al-Jibouri, Y. T. (1994). Khadija Daughter of Khuwaylid, Wife of Prophet Muhammad (pbuh).
  121. “Al-Uzza” in Encyclopaedia Mythica.
  122. Al-Kalbi, The Book of Idols, pp. 16-29.
  123. Ibn Kathir, Tafsir on Quran 53:19–26.
  124. Ibn Hanbal, Musnad vol. 4 p. 222.
  125. Al-Kalbi, pp. 16-17.
  126. 36.2/ Ibn Saad, Tabaqat 1:36:2.
  127. Yunus ibn Bakayr from Ibn Ishaq, cited in Guillaume, A. (1960). New Light on the Life of Muhammad, p. 7. Manchester: Manchester University Press.
  128. Guillaume/Ishaq 84-86.
  129. Guillaume/Ishaq 99. See also Sahih Bukhari 7:67:407; Sahih Bukhari 5:58:169. Variant forms of this hadith are cited in Kister, M. J. (1970). “A Bag of Meat.” A Study of an Early Hadith. Bulletin of the School of Oriental and African Studies, 33, 267-75. Ibn Ishaq (Guillaume, pp. 102-103) descrive come Zayd ibn Amr fu infine assassinato. Sebbene il colpevole non fu mai stato scoperto, Ibn Ishaq sospettò il fratellastro di Zayd, Al-Khattab ibn Nufayl, il padre del califfo Umar.
  130. "Un vicino di Khadijah bint Khuwaylid udì il profeta dire, "O Khadijah! Per Allah, io non adoro Al-Lat oppure Al-Uzza. Per Allah, non li adoro affatto." Khadijah rispose, "Lascia Al-Lat e lascia Al-Uzza." Lui [il vicino] disse che questo era il loro idolo, che loro lo adoravano e dopo si misero a letto a dormire." - Ibn Hanbal, Musnad vol. 4 p. 222.
  131. “Allat” in Encyclopaedia Mythica.
  132. Al-Kalbi, The Book of Idols, pp. 14-15.
  133. Qur'an 2:62. Qur'an 5:69. Qur'an 22:17. Guillaume/Ishaq 90, 106.
  134. Guillaume/Ishaq 99.
  135. Guillaume/Ishaq 106-107.
  136. Guillaume/Ishaq 105.
  137. È potuto essere un colpo epilettico, un episodio psicotico oppure un semplice incubo. Dato che era da solo, non c'è modo di saperlo.
  138. Guillaume/Ishaq 106.
  139. Guillaume/Ishaq 106-107. Al-Tabari, Vol. 6, p. 72.
  140. Guillaume/Ishaq 99; Sahih Muslim 1:301.
  141. Guillaume/Ishaq 107. Sahih Bukhari 1:1:3. Sahih Bukhari 4:55:605 [1]. Sahih Bukhari 9:87:111 [2]. Sahih Muslim 1:301.
  142. Guillaume/Ishaq 144,
  143. 143.0 143.1 "Aisha narrò. Qualcuno chiede al messaggero di Allah riguardo a Waraqa. Quindi Khadijah gli disse, "Credeva in te, ma morì prima che diventassi un profeta." Il messaggero di Allah dopo disse, "L'ho visto in un sogno, con dei vestiti bianchi, e se fosse stato un abitante dell'inferno avrebbe indossato altri vestiti.” - Tirmidhi 4623.
  144. Guillaume/Ishaq 112.
  145. Al-Tabari, Vol. 39, p. 201.
  146. Guillaume/Ishaq 107. Al-Tabari, Vol. 6, p. 73.La versione ritoccata della storia, in cui Khadijah si leva solamente il velo, è improbabile che sia quella corretta, dato che Khadijah morì molto prima che il velo fosse ordinato. La semplice rimozione di un velo non avrebbe colpito nessuno a quell'epoca – assumendo che una donna in casa lo stesse portando.
  147. Guillaume/Ishaq 111.
  148. Al-Tabari, Vol. 6, p. 76. Sahih Bukhari 9:87:111.
  149. Al-Tabari, Vol. 6, p. 70.
  150. Qur'an 93:3.
  151. Sahih Bukhari 1:1:3. Sahih Bukhari 6:60:478. Guillaume/Ishaq 111-112.
  152. Guillaume/Ishaq 112-114. Bewley/Saad 8:11.
  153. Guillaume/Ishaq 114-115, 313-314.
  154. Guillaume/Ishaq 114-117.
  155. Guillaume/Ishaq 115-117.
  156. Al-Tabari, Vol. 6, p. 93.
  157. Guillaume/Ishaq 117-119.
  158. Guillaume/Ishaq 191.
  159. Ibn Hanbal, Musnad volume 6 p. 117-118.
  160. Guillaume/Ishaq 117.
  161. Guillaume/Ishaq 118.
  162. Francis Edwards Peters, Muhammad and the Origins of Islam, p. 169, SUNY Press.
  163. Guillaume/Ishaq 143-145.
  164. Guillaume/Ibn Ishaq 127-128.
  165. Guillaume/Ishaq 147.
  166. Guillaume/Ishaq 146ff.
  167. Guillaume/Ishaq 144.
  168. Guillaume/Ishaq 144.
  169. Bewley/Saad 8:1, 180.
  170. Bewley/Saad 8:180-181. Umayma non è diventato un musulmano fino alla conquista di Mecca nel 630, quindi non fu perseguitata.
  171. Guillaume/Ishaq 144.
  172. Qur'an 26:94.
  173. Qur'an 56:42-43.
  174. Qur'an 38:56-64
  175. Qur'an 74:26-29. See also Qur'an 92:14. Qur'an 89:23-26. Qur'an 102:6. Qur'an 85:4-6. Qur'an 85:10. Qur'an 101:8-11. Qur'an 90:19-20. Qur'an 54:48. Qur'an 7:36-41. Qur'an 7:50. Qur'an 7:179. Qur'an 72:15. Qur'an 36:63. Qur'an 25:65-69. Qur'an 35:6-7. Qur'an 35:36-37. Qur'an 19:86. Qur'an 20:74. Qur'an 56:93-94. Qur'an 28:41-42.
  176. "Khadijah chiese all'apostolo di Allah dei suoi figli deceduti nei giorni d'ignoranza. Il messaggero di Allah disse: "Sono all'inferno." Quando lui vide il dispiacere nel volto di Khadijah, disse: "Se vedessi la loro posizione li odieresti." Lei disse: "Messaggero di Allah, e i figli che avuto da te?" Lui disse: "Lui è in paradiso." Dopo disse: "In verità, i credenti e i loro figli saranno in paradiso, e i politeisti e i loro figli all'inferno.Tirmidhi 117.
  177. Guillaume/Ishaq 131-132.
  178. Guillaume/Ishaq 155-159.
  179. Guillaume/Ishaq 159-160.
  180. Muir (1861) vol. 2 pp. 176-178.
  181. 53.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:53:1.
  182. Guillaume/Ishaq 160.
  183. Guillaume/Ishaq 118.
  184. Ibn Hanbal, Musnad vol. 6 pp. 117-118.
  185. 53.1/ Ibn Saad, Tabaqat 1:53:1.
  186. "Il suo primo matrimonio fu con Khadijah. Visse solo con lei per 25 anni. Era la sua giovinezza e costituiva due terzi della sua vita coniugale. [sic] " - Al-Jibouri, Y. T. (1994). “Marriages of the Prophet” in Muhammad: The Prophet and Messenger of Allah. Qum, Iran: Ansariyan Publications.
  187. "Il profeta non sposò un'altra donna durante il matrimonio con Khadijah, è un fatto che dovrebbe essere notato da quelli che lo criticano per la sua poligamia negli anni successivi." - Saleem (2012)
  188. Al-Tabari, Vol. 6, pp. 106-107. See also Guillaume/Ishaq 132-133.
  189. Bukhari|4|55|642. Sahih Bukhari 5:58:163. Sahih Muslim 31:5965.
  190. Ibn Kathir, Tafsir on Qur'an 66:11. See also Sahih Muslim 31:5966. Non chiamò mai nessuna delle sue altre mogli o figlie "perfetta", nemmeno la sua quarta sposa divina, Kulthum la sorella di Mosè.
  191. Guillaume/Ishaq 111. Ibn Hisham note 148. Sahih Bukhari 3:27:19. Sahih Bukhari 5:58:167. Sahih Bukhari 5:58:168. Sahih Bukhari 9:93:588. Sahih Muslim 31:5967. Sahih Muslim 31:5968. Sahih Muslim 31:5970.
  192. Qur'an 38:52. Qur'an 56:22-23. Qur'an 37:48-49. Qur'an 44:54. Qur'an 52:20. Qur'an 78:33.
  193. Qur'an 2:25. Qur'an 4:57.
  194. Muir (1861) 2:141-144. See also Sell, E. (1923). The Historical Development of the Qur'an, 4th Ed, pp. 25-26. London: People International.
  195. Qur'an 55:56-58 Qur'an 55:70-76.
  196. [3]
  197. Bell, R. (1953). Introduction to the Qur’an. Revised by Montgomery Watt (1970). Chapter 7: “The Chronology of the Qur’an.” Edinburgh University Press.
  198. 53.3/ Ibn Saad, Tabaqat 1:53:3.
  199. Bewley/Saad 8:12.
  200. Majlisi, Hayat al-Qulub 2:26. L'invenzione fatta da Maometto del personaggio "Kulthum" sembra essere il risultato della sua imbarazzante ignoranza quando scoprì che la sorella di Mosè non era la stessa persona di Maria Vergine. Deve aver corretto eccessivamente il suo errore deducendo che la sorella di Mosè non si chiamava nemmeno Maryam.
  201. Guillaume/Ishaq 191. Al-Tabari, Vol. 39, pp. 4, 161. Un altro fatto smentito sulla vita di Khadijah è la data della sua morte. Ibn Saad (Bewley 8:12) cita anche Ramadan 20 (2 Maggio) del decimo anno. riassume molte tradizioni che citano diversi anni: uno, due, quattro, cinque o sei anni prima della Hijia", Kister (1993) questo suggerisce un calcolo errato da parte dei moderni biografi che dicono che Khadijah morì nel 619.
  202. Bewley/Saad 8:44.
  203. Sahih Bukhari 5:58:164. Sahih Bukhari 5:58:165. Sahih Bukhari 5:58:166. Sahih Bukhari 7:62:156. Sahih Bukhari 8:73:33. Sahih Muslim 31:5971. Sahih Muslim 31:5974.
  204. Sahih Bukhari 5:58:168
  205. Ibn Hanbal, Musnad vol. 6 pp. 117-118. Sahih Muslim 31:5972.
  206. Al-Tabari, Vol. 39, pp. 170, 171. Bewley/Saad 8:39, 43, 152.
  207. Guillaume/Ishaq 192-195, 197-199.
  208. Guillaume/Ishaq 201-213, 324.
  209. Sell (1923), p. 74. “The Chronology of the Qur’an.” In Bell, R. (1970). Introduction to the Quran. Revised by Montgomery Watt. Edinburgh University Press.
  210. E.g., Al-Jibouri, Y. T. (1994). Khadija Daughter of Khuwaylid Wife of Prophet Muhammad (pbuh).